Notizie –

Gli azionamenti NORD superano i test EN 50598-2Massima efficienza di sistema secondo la norma europea di progettazione ecocompatibile

Con la recente norma EN 50598-2 sulla progettazione ecocompatibile, l'Unione europea ha stabilito i requisiti di efficienza per elettronica e sistemi completi di azionamento.

System Effizienz von Antriebssystemen gemäß EN 50598

Bargteheide , 2015-05-22

In anticipo sull'entrata in vigore della norma, NORD DRIVESYSTEMS sta già eseguendo i test e le analisi numeriche per i componenti e i sistemi di propria produzione, ed è quindi in grado di fornire rapidamente informazioni dettagliate in risposta a ogni interrogativo dei clienti al riguardo. I requisiti futuri possono essere soddisfatti in modo flessibile. La norma definisce le classi di efficienza per inverter di frequenza e avviatori per motore: IE0 (perdite alte***), IE1 (valori di riferimento), e IE2 (perdite sensibilmente inferiori al riferimento***). Analogamente, l'efficienza dei sistemi è valutata come IES0, IES1 e IES2. I test in corso sugli inverter NORD hanno mostrato perdite di potenza sensibilmente inferiori ai valori di riferimento della norma EN 50598-2, sia per gli inverter in sé che per i PDS (Power Drive Systems) che abbinano inverter e motori a efficienza energetica. Ciò significa che i sistemi NORD sono già in grado di conseguire la valutazione di efficienza IES2.

NORD ha sempre adottato un approccio ampio, che considera l'intero treno di azionamento. Tutti i componenti (riduttori, motori, elettronica di potenza e intelligenza funzionale) sono sviluppati e fabbricati negli stabilimenti NORD. Per questo l'azienda rappresenta un fornitore unico single-source di soluzioni di azionamento complete per più di 100 settori industriali. In 50 anni di attività, NORD ha maturato un esteso know-how applicativo e una comprensione dettagliata dell'interazione di tutti i componenti di azionamento. L'efficienza di sistema secondo EN 50598-2 non viene valutata solo a piena potenza, ma a otto punti di carico prestabiliti, con diverse coppie e velocità. Mettendo fine a un concetto lungamente consolidato, la norma non considera i percentili di efficienza energetica, ma le perdite di potenza incrementali in watt. Una conseguenza del nuovo approccio è che ora è anche possibile comparare le prestazioni del sistema negli scenari di azionamento con motore fermo e sotto carico (per esempio, la fermata dell'ascensore).