dhp technology

Soluzioni di azionamento per l’innovativa tecnologia solare

Nell’agosto 2018, dhp technology ha messo in funzione sull’impianto di trattamento delle acque reflue di ARA Chur il primo tetto solare pieghevole al mondo. Una robusta tecnologia a teleferica permette di richiudere il tetto pieghevole flessibile in una posizione sicura, che lo protegge da condizioni atmosferiche estreme.

Focus sul cliente

Fondata nel 2015, dhp technology sviluppa sistemi solari per una produzione di energia elettrica al passo coi tempi, rinnovabile e decentralizzata. Gli obiettivi principali dell’azienda sono una produzione locale sostenibile in grado di creare valore, l’uso parsimonioso delle risorse sempre più scarse e la riduzione delle emissioni di CO2. Con il tetto solare pieghevole HORIZON, la società svizzera ha sviluppato una nuova tecnologia che soddisfa in pari misura le esigenze ambientali e quelle sociologiche ed economiche.

Focus sul progetto
Gli azionamenti NORD, costituiti da motoriduttore a vite senza fine UNIVERSAL con freno, encoder elettromagnetico e motore, si occupano dell’apertura e chiusura automatica delle membrane del tetto solare. Il PLC integrato gestisce da solo le operazioni, su comando della stazione meteo e di un algoritmo:

  • azionamenti indirizzabili singolarmente per una più facile manutenzione
  • funzione “home run” autonoma per una maggiore affidabilità
  • controllo di velocità.

La sfida del progetto

Gli impianti di trattamento delle acque reflue consumano molta energia elettrica e occupano tanto spazio. Per motivi di gestione, non è possibile coprire l'area con sistemi fotovoltaici convenzionali, perché i bacini di insediamento devono essere sempre accessibili dall'alto.

La ridefinizione della tecnologia solare. – Il tetto solare pieghevole HORIZON di dhp technology viene installato su superfici industriali già occupate, che possono così essere destinate con intelligenza a un doppio utilizzo. Nell’agosto 2018 è stato messo in funzione a Chur (Svizzera) il primo tetto solare pieghevole al mondo, a copertura di un impianto di trattamento delle acque reflue. Il tetto si estende su una superficie di 5.800 m2, ricoprendo completamente le vasche dei trattamenti primario, secondario (biologico) e terziario. I 2.120 moduli producono 550.000 kWh di energia elettrica all’anno, che coprono circa il 20% del fabbisogno di alimentazione ausiliaria dell’impianto.

Flessibilità e autonomia. – Il tetto solare pieghevole opera in modo completamente autonomo e reagisce automaticamente alle condizioni atmosferiche, grazie alle indicazioni che riceve dalla propria stazione meteo e da fonti esterne. A comandare gli intelligenti azionamenti con PLC integrato è il sole: non appena i primi raggi annunciano il nuovo giorno, i pannelli solari si aprono in modo completamente automatico, grazie a un robusto sistema a teleferica. La sera, quando il sole scompare dietro l’orizzonte, i pannelli tornano nella posizione protetta di rimessaggio. L'impianto fotovoltaico ritorna automaticamente in questa posizione anche in caso di neve, grandine o vento e in situazioni eccezionali, come interruzioni di corrente o di comunicazione.

Soluzione applicativa

A distendere e a ripiegare i pannelli del tetto solare provvedono le intelligenti unità di azionamento di NORD DRIVESYSTEMS. Gli azionamenti NORD – costituiti da motoriduttore a vite senza fine UNIVERSAL con freno, encoder elettromagnetico e inverter NORDAC FLEX SK 205E installato direttamente sul motore – sono montati in posizione protetta sulla struttura portante e possono essere comandati singolarmente. Ciò permette al personale manutentore di portare in posizione di rimessaggio solo i gruppi di pannelli del tetto pieghevole che ostacolano l’esecuzione dei lavori in una determinata vasca.

Stazione meteo e algoritmo di controllo. – Ognuno dei 53 gruppi che costituiscono il tetto pieghevole è comandato da un azionamento dedicato e si apre o si chiude automaticamente in funzione delle condizioni atmosferiche. A questo scopo, gli inverter NORD leggono i dati meteo e li elaborano per mezzo di un algoritmo appositamente sviluppato, che gestisce l’impianto impartendo i comandi appropriati di apertura o di chiusura. Gli encoder rotativi permettono di conoscere in qualsiasi momento la posizione dei pannelli. Gli azionamenti sono collegati elettricamente, a gruppi di quattro, al CAN bus interno, e uno di essi assume all’interno del proprio gruppo la funzione di master per controllare i movimenti.

Azionamenti intelligenti con PLC integrato. – L’unità di comando è programmata per portare automaticamente i pannelli solari nella posizione protetta di rimessaggio anche in caso di interruzione dell’alimentazione elettrica o della comunicazione. Ciò significa che intervenire manualmente con la manutenzione da remoto è possibile ma non indispensabile, perché il funzionamento sicuro del tetto è garantito in ogni caso. La funzione rampa assicura la chiusura dei pannelli in un tempo adeguato. Anche quest’operazione è controllata dal PLC dell’azionamento.

Qui trovi maggiori informazioni: