Comeco

Idraulica sostituita

Alla ricerca di modi per migliorare la facilità d’uso delle proprie macchine e per risparmiare sui costi di produzione, l'azienda svedese Comeco ha deciso di lanciare una nuova linea di piegatrici a staffa con azionamento elettrico al posto dell'idraulica. NORD DRIVESYSTEMS ha supportato l'azienda dalla fase di progettazione iniziale, durante lo sviluppo del prototipo e fino all'inizio della produzione in serie, configurando l'inverter vettoriale con PLC integrato che controlla tutte le funzioni della macchina. La soluzione di oggi è più semplice, più robusta e di facile manutenzione. La nuova tecnologia di azionamento è notevolmente più economica per il produttore di macchine e ha dimezzato i tempi di montaggio.

Il cliente in sintesi

Comeco Trading AB è una piccola società gestita dal suo titolare con sede a Enköping, nell'area di Stoccolma-Uppsala. Comeco ha iniziato a produrre riscaldatori radianti per l'edilizia nel 1991. Nel 2009 sono state aggiunte al portafoglio macchine per il taglio e la piegatura dell'acciaio per cemento armato. Comeco commercializza, vende ed esegue la manutenzione delle macchine direttamente o tramite partner commerciali, principalmente in Scandinavia. L'azienda impiega sette persone.

Il progetto in sintesi
Anche i produttori di acciaio per cemento armato utilizzano nelle loro fabbriche macchine piegatrici a staffa mobili ad azionamento manuale. Tuttavia, la stragrande maggioranza viene utilizzata nei cantieri edili. Una o più barre d'acciaio possono essere inserite contemporaneamente e vengono poi piegate ad un angolo specificato. L'80 per cento delle piegatrici a staffa della Comeco va alle società di noleggio di macchinari per l'edilizia. Il resto viene venduto principalmente a imprese di costruzione e in parte anche a produttori di acciaio per cemento armato. Queste fabbriche utilizzano impianti automatici per barre sottili per produrre grandi quantità di pezzi identici in breve tempo. Tuttavia, per gli ancoraggi con diametri maggiori, anch'essi dipendono da macchine piegatrici ad azionamento manuale come quelle della Comeco. L'acciaio di rinforzo per grandi progetti di costruzione come ponti o edifici alti viene solitamente ordinato su specifica ex works. Sul posto, tuttavia, le imprese di costruzione hanno bisogno di macchine piegatrici per realizzare modifiche rapide. Nei cantieri più piccoli, spesso tutti i rinforzi necessari vengono addirittura adattati in loco

Requisiti del progetto

Comeco, un piccolo ma potente costruttore svedese, produce piegatrici per l'acciaio per cemento armato con diversi diametri per le imprese di costruzione e le società di noleggio di attrezzature per l'edilizia. Insieme a NORD DRIVESYSTEMS, l'azienda ha già convertito un tipo di macchina per acciai fino a 20 mm di spessore con azionamenti elettrici. È ora disponibile un'ulteriore serie per diametri fino a 40 mm.

La prima volta che ha sviluppato una piegatrice a staffa, Comeco ha optato per gli azionamenti idraulici, una soluzione classica per macchine di questo tipo. Poi, però, gli specialisti delle macchine edili si sono resi conto che questa tecnologia consolidata presentava anche molti svantaggi. Fredric Hallberg, proprietario e amministratore delegato di Comeco, riferisce: “Nel nostro programma abbiamo due piegatrici a staffa idrauliche, che abbiamo sviluppato da zero. L'intero sistema elettrico per questo è molto complesso. L'ingegnere che si è occupato dello sviluppo è praticamente l'unica persona in grado di riparare questa tecnologia in caso di emergenza. Anche l'installazione dei sensori, dell'unità idraulica e della rete di tubazioni richiede molto tempo. Questa costruzione è molto più complessa e problematica delle nostre nuove macchine elettromeccaniche”. Comeco cercava una soluzione per costruire macchine più robuste, se possibile ad un costo inferiore, ma senza compromettere la qualità. “Quando abbiamo esaminato i progetti della concorrenza”, ricorda Hallberg, “ci siamo resi conto che potevamo certamente ridurre i nostri costi di produzione con gli azionamenti elettrici. Le piegatrici elettriche a staffa presenti sul mercato avevano un design molto più semplice. Allo stesso tempo, però, erano funzionalmente inferiori ai modelli idraulici. Tuttavia, era importante per noi continuare ad avere un prodotto funzionale di prima classe che potesse offrire ai nostri clienti più valore e facilità d'uso rispetto alle macchine di bassa fascia disponibili”.

Soluzione applicativa

Per la nuova generazione di macchine, Comeco ha voluto che tutte le funzioni fossero controllate da un PLC. Per questo motivo, NORD ha suggerito un azionamento con il convertitore di frequenza NORDAC FLEX. L'inverter montato sul motore contiene un PLC e implementa un preciso controllo della velocità e del posizionamento. Gli operatori della macchina piegatrice possono selezionare due diversi livelli di velocità a seconda della loro abilità e dello spessore della barra d'acciaio. La macchina da 20 mm può essere programmata con due angoli contemporaneamente. Gli operatori possono quindi passare facilmente da un'impostazione all'altra con un unico interruttore. I motoriduttori ad assi paralleli configurati forniscono coppie elevate in una dimensione molto compatta. NORD produce tutti i componenti completamente all'interno dell'azienda e può quindi garantire un'elevata efficienza e perdite minime per i riduttori.

Gli azionamenti vengono forniti premontati e pre-parametrizzati con un ParameterBox, che Comeco installa senza modifiche nel pannello di controllo della macchina. Invece del complesso cablaggio del sistema di controllo idraulico, l'azionamento elettronico richiede solo un collegamento di potenza. “Anche questo ci aiuta a risparmiare”, dice Hallberg. “Grazie alla ParameterBox possiamo fare a meno di molti interruttori. NORD programma l'assegnazione dei tasti e gli indicatori secondo le nostre specifiche. La velocità, l'angolo e la modalità di funzionamento sono visualizzati sul display e possono essere regolati tramite la tastiera, l'angolo con le frecce su/giù, la velocità con destra/sinistra. Semplicissimo. Gli operatori non hanno bisogno di navigare attraverso un menu”.